Come risalire ad una parola partendo da concetti che le sono vicini

Posted on 10 settembre 2008

23


Spesso ho bisogno di ricordare uno o più termini linguistici che si riferiscono ad un tema, ad un argomento, ad uno specifico concetto.
Qual è il nome di quell’occultista esoterico che molti avevano paragonato per importanza a Cagliostro? Ricordo che aveva fondato una specie di esperimento sociale in Sicilia, dove però aveva scandalizzato gli abitanti del luogo…
Come si chiamava lo strumento utilizzato nell’antichità per orientarsi durante la navigazione? Ricordo che ne è stato trovato uno davvero sorprendente per l’età e per il dettaglio delle sue componenti…
Ma non mi ricordo altro.

Il primo strumento capace di individuare un termine partendo da un concetto (o meglio: da altre parole legate a quell’ambito semantico) lo mette a disposizione Google, e si trova all’indirizzo http://labs.google.com/sets.
Per ora è solamente in inglese, ma può essere utile soprattutto con i nomi propri. Occorre inserire nei campi della pagina qualche parola che si sa essere parte della “nuvola semantica” che si sta cercando, e Google pescherà tante altre parolette che potrebbero fare comodo.

Provo prima con ‘honda’ assieme a ‘ducati’, poi con ‘honda’ assieme a ‘mercedes’. Quanto è affidabile? Per ora poco: se cerco ‘medicine’, ‘cure’ e ‘placebo’ sto mirando ad un ambito musicale o medico? Continuate ad utilizzarlo, quando sarà grande potrà esservi molto utile.

Il secondo strumento consiste in un uso “alternativo” di Wikipedia; in questo caso abbiamo a disposizione anche l’italiano. Cerco l’argomento che mi interessa, ad esempio ‘Linea’. Vado su http://it.wikipedia.org/wiki/Linea; ora cerco nel menu di servizio (sotto la voce “strumenti”) il link ‘Puntano qui’, e ottengo l’elenco di quelle pagine di Wikipedia che contengono un collegamento alla pagina sulla linea.

Per tornare agli esempi fatti all’inizio del post cerco l’elenco delle pagine che puntano alla voce “occulto” (http://it.wikipedia.org/wiki/Speciale:PuntanoQui/Occulto) e lo scorro; non trovandoci nulla che mi faccia suonare qualche cosa in testa provo con “cagliostro” (http://it.wikipedia.org/wiki/Speciale:PuntanoQui/Cagliostro), e a questo punto lo trovo: Aleister Crowley, nato Edward Alexander.

Per il secondo esempio cerco i link che puntano alla pagina relativa alla navigazione, e tra questi scopro la parola astrolabio. E’ lei.
Ma in questo caso posso spingermi oltre: visitando quella pagina, difatti, leggo che tra le voci correlate viene proposta anche la “macchina di Anticitera“, che è il più antico calcolatore meccanico conosciuto, scoperto nel 1900 ad Antikythera. Ecco fatto, trovato ciò che cercavo.

Quanto è attendibile? Ancora una volta, poco: si tratta di link inseriti da quegli stessi utenti che hanno generato i contenuti, quindi sono contenuti controllati, ma solo fino ad un certo punto, e occorre girare un po’ alcune delle pagine ottenute per capire come mai sono collegate all’argomento ricercato.
Per capirsi: credo sia ancora prematuro scrivere un qualche programma che permetta questo tipo di correlazione in automatico. Un mio spider ha raccolto in un DB tutte le voci di Wikipedia e le parole ad esse collegate, ottenendo una specie di “nuvola semantica”: ma molti collegamenti sono arbitrari e discutibili e andrebbero puliti a mano. Restiamo in attesa di vedere come evolvono le API di Wikipedia…