Memorie di paglia e Indian Trainspotting

Posted on 13 luglio 2009

0


Il mio amico Birillo è attualmente in India. Accompagna un suo amico fotografo in una spedizione che durerà ancora qualche settimana e nel frattempo scrive un resoconto dei suoi viaggi su Cima-Asso, blog che sta curando aiutato da Ivan Ferrari.

Nell’ultimo post (ultimo al momento in cui sto scrivendo) racconta un episodio del suo passato giustapponendolo ad un episodio del suo presente, episodio quest’ultimo che si concentra sulla condizione dell’India e sul ruolo che questa vorrebbe assumere all’interno degli assetti mondiali del potere.

http://www.cima-asso.it/2009/07/memorie-di-paglia-indian-trainspotting/

Cito questo articolo perché finisce con una considerazione molto interessante sul modo in cui è stato scritto, una conclusione che mi trova d’accordo:

E’ stato divertente raccontare in italiano il futuro ed il passato usando solo il presente, è stato necessario lavorare con i congiuntivi. Ogni verbo, ogni azione ha un tempo ed un modo. Il modo congiuntivo è il modo del “se” (if), spesso è il modo con cui diamo vita ad ipotesi che non si sono verificate, sia nel passato che nel futuro, che ci permettano di esplorare scenari differenti, nuovi. Salviamo il congiuntivo e salveremo il presente.

Posted in: Facetiae