Non il solito giochino logico

Posted on 1 giugno 2012

3


Li conoscete, no? quei giochini in cui dovete sfruttare menzogna e verità per uscire dall’apparente paradosso in cui vi trovate…

Un filosofo cinese ha offeso l’imperatore. È condannato a morte. Supplica che gli sia risparmiata la vita e viene chiuso in una stanza con due porte. Una è la porta della vita, l’altra quella della morte.
Davanti a ogni porta c’è una guardia. Una ha giurato di dire sempre la verità, l’altra di mentire sempre.
Per aver salva la vita al filosofo è concessa una domanda solamente, a uno solo dei guardiani.
(Dal racconto “Molly Zero”, di Keith Roberts, 1979)

L’esempio più famoso è probabilmente quello dei cretesi mentitori, quantomeno stando alle parole di Epimenide (che era di Creta – ne ha scritto anche Odifreddi in un bell’articolo sui paradossi, sulla menzogna e su Satana). Io oggi ve ne propongo una versione scanzonata e aggiornata agli standard comunicativi di questi anni:

“Se ti dovessi chiedere di fare sesso con me, risponderesti allo stesso modo in cui risponderesti a questa domanda?”

Preso da qui: http://9gag.com/gag/4294401.
(Un consiglio: non cominciate a seguire 9gag… E’ peggio di una droga. Salvatevi, almeno voi :)

((Se poi avete bisogno di una mano per risolvere l’indovinello all’inizio, considerate la possibilità di fare anche voi come il Tirannosauro dell’immagine, ovvero di attraversare insieme sia l’affermazione che la negazione, in modo da ottenere necessariamente un’affermazione. Nel nostro caso, trovate il modo di farvi contemporaneamente dire la verità e mentire…))

Posted in: Facetiae