Un po’ di parole riguardo al numero

Posted on 14 ottobre 2013

0


Traggo da qui: http://www.ilpost.it/mauriziocodogno/2013/10/13/parole-matematiche-numero/

[…]

Innanzitutto la parola “numero” arriva dal latino numerus, i, che significa… numero. Notate che il greco non c’entra, visto che la parola corrispondente è arithmós (vi ricorda qualcosa?). E da dove arriva la parola latina, allora? Non c’è un’ipotesi accettata da tutti, ma è abbastanza gettonata la derivazione dalla radice indoeuropea nem-, che significa “distribuire, assegnare, devolvere”; il concetto di numero potrebbe appunto giungere dal vedere che era qualcosa che misuri la dimensione di una distribuzione. Tra l’altro, per i latini il plurale “numeri” significava non solo aritmetica ma anche astronomia, la scienza che usava più numeri (e infatti sant’Agostino ce l’aveva con i “mathematici” nel senso di astrologi, che invece che fidarsi di Dio guardavano il futuro nelle stelle).

In italiano la parola è entrata praticamente subio, visto che la usa già Brunetto Latini nel XIII secolo. Stavolta insomma non è stato Dante a vincere la gara, per semplici ragioni cronologiche. Per la cronaca, però, il sommo poetà usò il termine, nel senso di “quantità indeterminata”, prima della Commedia: è infatti attestato nel Convivio. Con questo possiamo chiudere la parte prettamente matematica della parola. Per il resto? IL DELI dà dovizia di esempi, oltre a quei due che ho appena presentato.

[…]

Infine, perché si “danno i numeri” quando si è pazzi? Semplice: i numeri che si danno dovrebbero essere quelli del lotto, come spiega il Fanfani (no, non Amintore!) nel suo dizionario del 1865. Già allora però il significato si stava spostando: i numeri del lotto ci venivano dati in sogno da qualcuno che chi è caro. Però il buonanima del nonno spesso non ci diceva i numeri belli chiari, ma ce li dava in modo confuso: da qui si è passati a dire che “dà i numeri” chiunque dicesse cose un po’ strane e non immediatamente chiare, e il passaggio a chi probabilmente ha qualche rotella fuori posto diventa immediato. Possiamo al più chiederci se tutto questo è correlato con la nomea di persone un po’ fuori di testa che i matematici hanno!

[…]

Buona lettura.

Advertisements
Messo il tag:
Posted in: Etimologie